• Veronica Lucrezia Poblete

Audi skysphere concept: il futuro è qui

Guida autonoma, super prestazioni e 500 km di autonomia con Audi skysphere concept.


Debutterà domani, 13 agosto 2021, sulle spiagge del Monterey Car Week a Pebble Beach, la prima di una famiglia di tre prototipi che Audi promette per il futuro. Parliamo di una roadster a elettroni, sportiva e super sicura (con una guida autonoma di livello 4), si chiama Audi skysphere concept.



Sport o GT, due le configurazioni di guida grazie a un passo variabile, che consente di mutare l’interasse e la lunghezza esterna dell’auto di ben 250 millimetri, da 494 a 519 cm (anche l’altezza da terra è regolabile di 10 millimetri). Nella prima opzione, si predilige l’agilità, mentre nella seconda, il comfort, grazie a un maggiore spazio in abitacolo (per favorire questo fattore, volante e pedali sono a scomparsa, e non manca l’alloggio per le due borse da viaggio in dotazione) e alla presenza della guida autonoma di livello 4, che non solo le consente di raggiungere la destinazione desiderata, ma si occupa autonomamente anche del parcheggio e della ricarica.


“L’elettrificazione, la digitalizzazione e la guida autonoma hanno consentito di sviluppare una vettura che garantisca un’esperienza a bordo lontana anni luce da una roadster tradizionale”

Gael Buzyn, a capo dell’Audi Design Center di Malibu



632 cv di potenza e 750 Nm di coppia erogati istantaneamente, trattandosi di un’elettrica. Audi skysphere concept, con un peso di 1.800 kg, ripartiti al 60% al posteriore e al 40% all’anteriore, offre prestazioni da vera sportiva, con uno 0 a 100 km/h coperto in 4 secondi. Per questo si ringrazia anche l’ottima aerodinamica, dovuta a un baricentro ribassato e ad un’altezza di soli 123 cm.

Nessuna paura per l’autonomia, che grazie a un pacco batterie di oltre 80 kWh, supera addirittura i 500 km in ciclo WLTP.



Cerchi in lega da 23”, sospensioni adattive a tripla camera, assetto a regolazione elettronica, sterzatura integrale. Audi skysphere concept si conferma super dinamica e, al contempo, piacevole da guidare anche nei lunghi viaggi.



A ciò contribuisce il comfort dell’abitacolo, un salotto, realizzato in materiali riciclati, legno di eucalipto e similpelle sintetica.

La plancia e i comandi sono a scomparsa (emerge quando il guidatore opterà per una guida tradizionale e non autonoma) e l’intero abitacolo dispone di diverse superfici touch, che permettono di gestire le opzioni vettura e l’infotainment.



Il look esterno è iconico, con il single frame al frontale dominato dal logo dei quattro anelli illuminato al centro.

L’illuminazione è protagonista, gli elementi a Led bianchi realizzano coreografie di benvenuto e saluto all’apertura e alla chiusura della vettura. Quando viene modificato il passo, viene attivata una sequenza dinamica specifica, dopodiché vi sarà una firma luminosa dedicata in base alla configurazione selezionata.



0 commenti

Post correlati

Mostra tutti