Porsche Macan EV: Potenza, autonomia e doppio sguardo | Rendering

Proseguono i test della Porsche Macan elettrica, ecco come potrebbe essere.


Grandi novità in tema elettrico per Porsche, che si appresta a presentare la nuova Macan 100% elettrica. Si tratta di un modello che in una prima fase andrà ad affiancare la Macan endotermica per poi sostituirla totalmente.


Questo progetto ricopre un’importanza basilare per la casa di Zuffenhausen in quanto, dopo Taycan, consolida la presenza nel segmento delle elettriche alto di gamma, ma con una maggiore apertura al mercato. Infatti, le stime parlano di numeri pronti a superare quelli dell’attuale Macan.



La piattaforma è la PPE, condivisa con le altre elettriche del gruppo ed in particolare la Q4 e-tron e la futura Q6 e-tron, ma con aggiornamenti in tema di rigidità e sospensioni totalmente riviste e votate alla sportività.


La Macan elettrica è mossa da due powertrain, di cui quello anteriore sincrono, che consentono alla Suv sportiva di avere prestazioni estremamente performanti con la trazione integrale disponibile su tutta la gamma. La potenza complessiva dovrebbe attestarsi tra i 500 e 600 cv, con una coppia spaventosa. L’alimentazione è affidata ad un set di batterie con celle agli ioni di litio, con una architettura di 800 volt e potrà caricare fino a 350 kW, con tempi da record ed un'autonomia di circa 700 km.


Il design esterno coniuga lo stile di una Suv Coupé a quello di una Crossover media con un padiglione abbassato, il cofano corto e affusolato ed un montante C inclinato, privo di spoiler sul tetto, ma come sulla Cayenne Coupé arricchito da un alettone retrattile presente nell’ accenno di volume posteriore.

L’aspetto più significativo è il frontale che introduce per la prima volta su una Porsche il doppio livello di illuminazione, dove i proiettori superiori, che ricordano quelli della concept car Mission R, ospitano le quattro gemme dell’illuminazione diurna e gli indicatori di direzione realizzati con tecnologia Oled ad alta intensità.

I proiettori principali si spostano sullo scudo, come avverrà sulla prossima Audi Q6 e-tron, qui saranno presenti dei punti luce a matrice attiva di ultima generazione attinti dall’esperienza Audi.



La parte inferiore dello scudo riporta una grande bocca adattiva per il raffreddamento a liquido delle batterie. La tecnologia Oled sarà presente anche nella fascia posteriore dei gruppi ottici, dove verrà introdotta per la prima volta l’illuminazione dinamica.



Uno dei punti più importanti è il fattore aerodinamico che è stato oggetto di un intenso studio per diminuire il coefficiente CX che si prospetta da record di categoria.


Come su Taycan l’abitacolo sarà votato al minimalismo ed alla tecnologia con la totale sostituzione degli strumenti analogici, con un pannello ricurvo in alta definizione altamente configurabile, ma che non rinuncia alla classica disposizione ad elementi circolari. La connettività e la condivisione dei dati sarà affidata ad un sistema altamente aggiornabile, per tenere sotto controllo in tempo reale consumi, stato delle batterie, autonomia, stazioni di ricarica, meteo e punti d’interesse.



Il debutto per la nuova Macan elettrica è previsto nel corso del 2023, ma visto l’enorme interesse che gravita su questo modello i collaudi su strada sono già iniziati più di un anno fa, con prototipi sempre più svestiti e pronti a svelare le sue linee definitive, che in una prima fase furono anticipate da una fotografia che mostrava una maquette in scala 1:1 realizzata in clay dove si percepiva lo stile, ma non erano ancora presenti i doppi proiettori che indubbiamente diventeranno l’aspetto più caratteristico della nuova Macan elettrica e che abbiamo già visto per la prima volta sulla Mission R, che a sua volta servirà da ispirazione per la futura generazione della 718.




0 commenti

Post correlati

Mostra tutti