Suzuki S-Cross: Il Suv compatto diventa Hybrid

In arrivo a settembre, ma già in vendita da oggi, ecco le caratteristiche della nuova ibrida Suzuki.


Suzuki presenta nuova S-Cross Hybrid, il suo Suv compatto ora con una nuova motorizzazione ibrida, in arrivo il prossimo settembre, ma acquistabile da oggi in anteprima sul sito suzuki.it al prezzo di € 33.090 nella versione Starview 4WD AllGrip AT Web Edition, che si distingue per una serie di peculiarità come il tetto apribile in vetro, i sedili riscaldabili, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, i cerchi BiColor da 17", il sistema "Chiavintasca" ed, infine, il touchscreen da 7" per l'infotainment, con navigatore, Bluetooth e connettività Apple CarPlay e Android Auto.


Cosa spinge S-Cross Hybrid?

Il sistema ibrido è composto da un 1.5 4 cilindri aspirato da 102 cv abbinato ad un modulo ibrido con motogeneratore MGU da 24,6 kW, alimentato da una batteria di trazione da 140 V (con capacità di 840 Wh), per un totale di 116 cv di potenza, gestiti dal cambio robotizzato AGS. Tutti questi componenti sono stati progettati e sviluppati da Suzuki per avere peso e ingombri contenuti e per sfruttare al meglio le potenzialità del sistema di trazione 4WD AllGrip Select. Si tratta di un pacchetto tecnologico avanzato, che assicura prestazioni eccellenti, un’efficienza energetica ottimale abbinato a un piacere di guida unico.

Cosa fa esattamente questo sistema ibrido?

In partenza e a bassa velocità fa muovere S-Cross Hybrid con la sola trazione elettrica. Con la batteria completamente carica, in modalità elettrica è possibile raggiungere una velocità di 80 km/h oppure coprire una distanza fino a 4,5 km.

Con il crescere della velocità, il motore elettrico lascia a quello termico il compito di spingere S-Cross veleggiando quando l’unità a benzina viene spenta e disaccoppiata dalle ruote.

Il motore DualJet e quello elettrico possono talvolta agire anche insieme quando il pilota accelera con decisione, in modo da garantirgli spunti vivaci e un grande piacere di guida. Durante le decelerazioni più intense il motogeneratore provvede alla frenata rigenerativa e carica la batteria 140 V, un’operazione che svolge talvolta all’occorrenza anche a velocità costante, utilizzando un po’ della potenza del motore termico.

Per una maggiore efficienza, infine, è presente la modalità di guida ECO, che riduce ulteriormente i consumi, privilegiando la trazione elettrica e rendendo le risposte all’acceleratore più dolci, regolando il climatizzatore e l’eventuale trazione integrale in modo che comportino un minor carico per il motore termico.



0 commenti

Post correlati

Mostra tutti